Donare un po' del tuo tempo ad Univoc Bologna aiuta l'integrazione dei disabili visivi ed accresce le tue esperienze personali!

"IL VOLONTARIATO COLORA LA VITA"

In questi momenti così poco forieri di buone notizie, il nostro augurio Ë che davvero si riesca a rivolgere maggiore attenzione al mondo del volontariato.
C'è bisogno di giovani attivi, di tante mani che s'intrecciano.
C'è bisogno di solidarietà, di mettersi in gioco per l'altro, di mettersi al servizio degli altri.
Speriamo che quest'anno sia un anno di crescita e di riflessione per arrivare ad aprirsi sempre più verso l'altro. Un altro bisognoso ma che se conosciuto bene Ë capace anche di donare qualcosa.

Un interessante spunto di riflessione per tutti, con particolare riferimento a chi, nella pubblica amministrazione, è chiamato a Servire i cittadini.

Ci impegnamo a continuare la nostra collaborazione con tutte le forze sociali e le istituzioni, mettendo a disposizione le nostre competenze e la gratuità della nostra azione sociale.
Ci impegnamo a sensibilizzare tutti i cittadini, anche attraverso nuovi stili di vita, a costruire un nuovo modello di sviluppo sociale, culturale ed economico.

E ancora: Il nostro appello si rivolge a tutti, in particolare ai giovani, per costruire una cultura in cui i valori del dono, della gratuità, della fratellanza, dell'uguaglianza e della solidarietà divengano bene comune e fondamento della nostra vita sociale.

Sottolineamo il forte valore che dono, gratuità e solidariet‡ hanno per la costruzione della nostra società, oggi come in passato:
Ci impegnamo ad affermarli per affrontare le sfide etiche, prima ancora che economiche e sociali, che il Paese ha di fronte.

Il volontariato arricchisce il capitale umano e sociale di chi lo pratica e di chi lo riceve, rafforza il senso di appartenenza e coesione alla società e favorisce comportamenti positivi per la stessa crescita economica.

Senza il volontariato non andiamo da nessuna parte, aggiungendo che in questo momento di particolare difficoltà del nostro Paese, abbiamo bisogno di persone che siano in grado di assumersi le proprie responsabilità, come fanno ogni giorno i volontari.

Il volontariato e il terzo settore

I volontari, con tutte le loro forze, rappresentano un investimento da sostenere, perchè sono in grado di moltiplicare le risorse a loro disposizione e di tradurle in atti e presenze concrete ed efficaci.
Sta in questo la forte spinta a superare la crisi, attraverso la proposizione di nuovi modelli sociali, basati sulla solidarietà, la creatività, la responsabilità personale e collettiva.

Crediamo che il volontariato goda di una grandissima fiducia da parte degli italiani e debba continuare ad alimentare il proprio senso di responsabilità, per essere in grado di rispondere anche alle emergenze.

Evidenziamo come il volontariato italiano, che ha radici profonde nella nostra storia, sia un'esperienza unica nel panorama europeo, da valorizzare e riconoscere in quanto diritto alla solidarietà.

Le ultime da U.N.VO.C. Bologna

Il libro del nostro volontario "Giancarlo Naldi"

"Mi chiamo Giancarlo Naldi, e da sette anni collaboro come volontario con l’associazione UNIVOC;, sono l’autore del volume:
“Oh... Bologna, emozioni dalla città e dintorni”
Sono nato a Bologna, dove ho compiuto i miei studi e dove ho sempre lavorato,a parte un periodo di quasi nove anni di attività come funzionario presso una grande industria milanese.
Questa passione e questa convivenza quasi simbiotica con la nostra città mi ha portato a scrivere questo libro, che non è una vera biografia, ma ha molti aspetti di ricordi di vita.

Una casa degli orrori per i ragazzi autistici

ROMA. “L’ennesimo luogo dell’orrore”. Per Davide Faraone, responsabile welfare e scuola del Partito democratico, non ci sono altre parole per descrivere quel che ha visto nel centro socio-riabilitativo di Grottammare (Ascoli Piceno) “La casa di Alice” che nei giorni scorsi ha visto quattro educatrici e il coordinatore del centro arrestati per maltrattamenti ai danni dei ragazzi autistici, ospiti della stuttura. A coordinare le indagini che hanno portato agli arresti, la Procura della Repubblica di Fermo.

Lavoro negato ai disabili, esposto Fish alla procura: "Accertate i reati penali"

ROMA. Il vaso è colmo, la palla ora passa alla Procura della Repubblica. E potrebbe sfociare anche in un processo penale. Dalle parole ai fatti, è stato formalizzato l’esposto con cui la Fish Lazio chiede di accertare e valutare se non vi siano risvolti di tipo penale nel fatto che molte amministrazioni pubbliche continuano ad evitare di mettersi in regola con la legge che prevede le quote di riserva per le categorie protette (legge 68/99 e successive).

Nuove regole per il ritiro dei contrassegni H per disabili

Da lunedì 14 luglio il contrassegno H di tipo europeo dovrà essere ritirato esclusivamente presso gli sportelli di via San Donato 25 appositamente dedicati da Tper a questa attività. Tutti coloro che hanno già presentato richiesta di contrassegno H saranno contattati per fissare un appuntamento per il ritiro che, come previsto dalla vigente normativa, deve essere effettuato direttamente dal titolare del contrassegno, munito di documento di identità valido e di due foto formato tessera uguali e recenti.

Accessibilita' su iOS, il parere di un gruppo di disabili visivi italiani

Abbiamo parlato della questione accessibilità con i fondatori del gruppo NVApple.it, un progetto italiano che nasce da un connubio di esperienze, passioni e competenze legate all’uso dei prodotti di Cupertino che prevedono di serie tecnologie assistive onboard. Nel nostro paese resta molto da fare per affrontare le problematiche dei disabili visivi.

Associazione ipovedenti USA: "Apple ha fatto per noi piu' di chiunque altro"

di Mauro Notarianni

Il presidente dell’associazione statunitense di ciechi e ipovedenti che qualche giorno addietro si sarebbe lamentata con Apple parla degli ottimi rapporti con la Casa della Mela, spiegando che questa ha fatto più di qualsiasi altra azienda del settore. Il problema sono gli sviluppatori di terze parti che spesso ignorano le funzioni di accessibilità.

Handimatica, ecco le novita' della decima edizione

L’appuntamento che, ogni due anni, unisce i massimi esperti di tecnologia e di disabilità, organizzato da Fondazione Asphi, quest’anno a Bologna, dal 27 al 29 novembre, avrà per tema la società digitale e l’e-inclusioni. Vita annuncia in anteprima gli eventi principali.

BOLOGNA. Si parlerà di smart city, over65 e didattica multimodale. Temi di grande attualità a cui le tecnologie possono dare risposte. E la decima edizione di Handimatica 2014 si apre proprio con una domanda, come spiega Camilla Zanichelli, capoprogetto Handimatica 2014.

50 centesimi per abbattere le barriere architettoniche. La Camera dice no

Senza denari non si cantano messe, dice il proverbio. Ma se i denari si possono trovare, la messa, la possiamo cantare? In Italia no. Quando si tratta di cose importanti, di diritti violati, l’Italia non c’è. O meglio, c’è l’Italia della burocrazia che tira fuori la solita solfa dei fondi che non ci sono e butta alle ortiche le buone prassi che dovrebbero essere solo prassi, normali. Parliamo di barriere architettoniche, parliamo di pari opportunità nell’accesso alla Cultura.

Pagine