Donare un po' del tuo tempo ad Univoc Bologna aiuta l'integrazione dei disabili visivi ed accresce le tue esperienze personali!

"IL VOLONTARIATO COLORA LA VITA"

In questi momenti così poco forieri di buone notizie, il nostro augurio Ë che davvero si riesca a rivolgere maggiore attenzione al mondo del volontariato.
C'è bisogno di giovani attivi, di tante mani che s'intrecciano.
C'è bisogno di solidarietà, di mettersi in gioco per l'altro, di mettersi al servizio degli altri.
Speriamo che quest'anno sia un anno di crescita e di riflessione per arrivare ad aprirsi sempre più verso l'altro. Un altro bisognoso ma che se conosciuto bene Ë capace anche di donare qualcosa.

Un interessante spunto di riflessione per tutti, con particolare riferimento a chi, nella pubblica amministrazione, è chiamato a Servire i cittadini.

Ci impegnamo a continuare la nostra collaborazione con tutte le forze sociali e le istituzioni, mettendo a disposizione le nostre competenze e la gratuità della nostra azione sociale.
Ci impegnamo a sensibilizzare tutti i cittadini, anche attraverso nuovi stili di vita, a costruire un nuovo modello di sviluppo sociale, culturale ed economico.

E ancora: Il nostro appello si rivolge a tutti, in particolare ai giovani, per costruire una cultura in cui i valori del dono, della gratuità, della fratellanza, dell'uguaglianza e della solidarietà divengano bene comune e fondamento della nostra vita sociale.

Sottolineamo il forte valore che dono, gratuità e solidariet‡ hanno per la costruzione della nostra società, oggi come in passato:
Ci impegnamo ad affermarli per affrontare le sfide etiche, prima ancora che economiche e sociali, che il Paese ha di fronte.

Il volontariato arricchisce il capitale umano e sociale di chi lo pratica e di chi lo riceve, rafforza il senso di appartenenza e coesione alla società e favorisce comportamenti positivi per la stessa crescita economica.

Senza il volontariato non andiamo da nessuna parte, aggiungendo che in questo momento di particolare difficoltà del nostro Paese, abbiamo bisogno di persone che siano in grado di assumersi le proprie responsabilità, come fanno ogni giorno i volontari.

Il volontariato e il terzo settore

I volontari, con tutte le loro forze, rappresentano un investimento da sostenere, perchè sono in grado di moltiplicare le risorse a loro disposizione e di tradurle in atti e presenze concrete ed efficaci.
Sta in questo la forte spinta a superare la crisi, attraverso la proposizione di nuovi modelli sociali, basati sulla solidarietà, la creatività, la responsabilità personale e collettiva.

Crediamo che il volontariato goda di una grandissima fiducia da parte degli italiani e debba continuare ad alimentare il proprio senso di responsabilità, per essere in grado di rispondere anche alle emergenze.

Evidenziamo come il volontariato italiano, che ha radici profonde nella nostra storia, sia un'esperienza unica nel panorama europeo, da valorizzare e riconoscere in quanto diritto alla solidarietà.

Le ultime da U.N.VO.C. Bologna

Maratonina non competitiva

L’U.N.I.Vo.C, sez. prov.le di Reggio Emilia, in collaborazione con l’ U.I.S.P

e con il patrocinio della Regione Emilia – Romagna

della provincia di Reggio Emilia

del Comune di Reggio Emilia

dell’istituto “Giuseppe Garibaldi “ per ciechi

organizza per il 10 Maggio p.v una maratonina interregionale non competitiva sulla distanza di 6 km a libera corsa sul percorso ciclopedonale del Parco delle Caprette di Reggio Emilia via Monte Cisa.

La maratonina è aperta a tutti i non vedenti fino a 1/10 soci U.I.C.I e non e i loro accompagnatori.

Internet e disabilita': la rete tra trappole e opportunita'

La tecnologia, e in particolare Internet, può molto aiutare la persona con disabilità a interfacciarsi con il mondo esterno, anche se talvolta, pur rimanendo una ottima opportunità, può portare a nascondere se stessi. Ci porta la sua testimonianza una ragazza non vedente.

Mi chiamo Elena Brescacin. Sono una persona non vedente dalla nascita e desidero condividere con disabili.com la mia esperienza relativa ad un fenomeno di cui nell'ambiente della disabilità si parla pochissimo: l'utilizzo smodato della tecnologia, erroneamente definito come "dipendenza da internet".

Sara' finalmente buona informazione sulla disabilita' visiva?

Se lo augura Assia Andrao, presidente della Federazione Retina Italia, informando che alla trasmissione di Raiuno “Domenica in… L’Arena” del 6 aprile interverrà anche Simone Vannini, vicepresidente della Federazione stessa, che tenterà di fornire una corretta informazione sui cosiddetti “falsi ciechi”, ridando giusta dignità alle persone con disabilità visiva, dopo le disastrose puntate degli anni scorsi mandate in onda dal medesimo programma

ISEE, ingiusto penalizzare la pluridisabilita'

Allarme della Lega del Filo d'Oro sul nuovo Isee e sulle ipotesi di tagli all'accompagnamento: «la pluridisabilità non sia penalizzata».

Avere una doppia disabilità rischia - paradossalmente - di tramutarsi in una vera beffa. Perché con le nuove regole dell’Isee, che considerano come reddito anche pensioni e indennità di accompagnamento, queste persone rischiano di ritrovarsi improvvisamente e artificiosamente “ricche” e di vedersi quindi tagliare dei servizi.

Va rivisto il sistema di accesso all'invalidita' civile

Lo chiede il Segretario Confederale del Sindacato CISL, ritenendo appunto «una priorità per il nostro Paese, come già definito nel “Programma d’Azione Biennale per la Promozione dei Diritti e l’Integrazione delle Persone con Disabilità”, riformare l’intero sistema di accesso e certificazione dell’invalidità civile, disabilità e handicap, per unificarlo e renderlo più trasparente, evitando abusi e anche costi inutili per l’ente pubblico».

"Cacce ai falsi invalidi": non e' l'ora di finirla?

«Alla luce dei risultati ottenuti dai molteplici controlli sull’invalidità promossi in questi anni dall’INPS, non ritiene opportuno un ridimensionamento della campagna mediatica contro i falsi invalidi che ha negli anni creato un vulnus molto forte nei confronti dell’intero mondo della disabilità?»: si conclude così un’Interrogazione al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, presentata al Senato, con Maria Cecilia Guerra prima firmataria

Pagine