Donare un po' del tuo tempo ad Univoc Bologna aiuta l'integrazione dei disabili visivi ed accresce le tue esperienze personali!

"IL VOLONTARIATO COLORA LA VITA"

In questi momenti così poco forieri di buone notizie, il nostro augurio Ë che davvero si riesca a rivolgere maggiore attenzione al mondo del volontariato.
C'è bisogno di giovani attivi, di tante mani che s'intrecciano.
C'è bisogno di solidarietà, di mettersi in gioco per l'altro, di mettersi al servizio degli altri.
Speriamo che quest'anno sia un anno di crescita e di riflessione per arrivare ad aprirsi sempre più verso l'altro. Un altro bisognoso ma che se conosciuto bene Ë capace anche di donare qualcosa.

Un interessante spunto di riflessione per tutti, con particolare riferimento a chi, nella pubblica amministrazione, è chiamato a Servire i cittadini.

Ci impegnamo a continuare la nostra collaborazione con tutte le forze sociali e le istituzioni, mettendo a disposizione le nostre competenze e la gratuità della nostra azione sociale.
Ci impegnamo a sensibilizzare tutti i cittadini, anche attraverso nuovi stili di vita, a costruire un nuovo modello di sviluppo sociale, culturale ed economico.

E ancora: Il nostro appello si rivolge a tutti, in particolare ai giovani, per costruire una cultura in cui i valori del dono, della gratuità, della fratellanza, dell'uguaglianza e della solidarietà divengano bene comune e fondamento della nostra vita sociale.

Sottolineamo il forte valore che dono, gratuità e solidariet‡ hanno per la costruzione della nostra società, oggi come in passato:
Ci impegnamo ad affermarli per affrontare le sfide etiche, prima ancora che economiche e sociali, che il Paese ha di fronte.

Il volontariato arricchisce il capitale umano e sociale di chi lo pratica e di chi lo riceve, rafforza il senso di appartenenza e coesione alla società e favorisce comportamenti positivi per la stessa crescita economica.

Senza il volontariato non andiamo da nessuna parte, aggiungendo che in questo momento di particolare difficoltà del nostro Paese, abbiamo bisogno di persone che siano in grado di assumersi le proprie responsabilità, come fanno ogni giorno i volontari.

Il volontariato e il terzo settore

I volontari, con tutte le loro forze, rappresentano un investimento da sostenere, perchè sono in grado di moltiplicare le risorse a loro disposizione e di tradurle in atti e presenze concrete ed efficaci.
Sta in questo la forte spinta a superare la crisi, attraverso la proposizione di nuovi modelli sociali, basati sulla solidarietà, la creatività, la responsabilità personale e collettiva.

Crediamo che il volontariato goda di una grandissima fiducia da parte degli italiani e debba continuare ad alimentare il proprio senso di responsabilità, per essere in grado di rispondere anche alle emergenze.

Evidenziamo come il volontariato italiano, che ha radici profonde nella nostra storia, sia un'esperienza unica nel panorama europeo, da valorizzare e riconoscere in quanto diritto alla solidarietà.

Le ultime da U.N.VO.C. Bologna

Incontro formativo teorico-pratico sulle manovre di disostruzione pediatriche delle vie aeree e rianimazione cardiopolmonare pediatrica-adulto.

Cari Amici,
il Comitato Regionale dei Giovani, con la partecipazione del Consiglio Regionale U.I.C.I. Emilia-Romagna e il Consiglio Provinciale di Bologna, intende organizzare un incontro formativo teorico-pratico (con rilascio di attestato di partecipazione) sulle manovre di disostruzione pediatriche delle vie aeree e rianimazione cardiopolmonare pediatrica-adulto, per imparare ad intervenire nel modo corretto, come indicato da linee guida internazionali vigenti.

Treni e persone con disabilita', ci risiamo...

La vicenda denunciata in questi giorni dal Presidente dell’UICI di Treviso (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) – letteralmente “abbandonato a se stesso” in una stazione del Veneto priva di assistenza – va ben oltre il singolo caso e riguarda tutte le persone con disabilità vittime di discriminazioni quando cercano di viaggiare serenamente in treno, specie se si esce dal “circuito” dei costosi convogli ad alta velocità

Il Parlamento europeo "assume" tirocinanti con disabilita'

ROMA. C’è tempo fino al 1 5 ottobre per sottoporre la propria candidatura per i tirocini retribuiti presso il Parlamento europeo: l’opportunità è valida per cittadini europei con disabilità, che abbiano compiuto 18 anni all’inizio del tirocinio, conoscano una lingua straniera e non abbiano già usufruito di un impiego retribuito a carico dell’Unione europea per più di quattro settimane.

Pubbliche Amministrazioni e lavoro: la "congiura del silenzio"

È infatti a dir poco complicato riuscire a disporre di dati riguardanti l’elusione delle Pubbliche Amministrazioni a quelle leggi che, a partire dalla 68/99, tutelano il lavoro delle persone con disabilità, mentre è proprio nelle Pubbliche Amministrazioni che, a quanto risulta, sono presenti le maggiori elusioni. Né si potrà contare troppo sulla prossima “Relazione sullo stato di attuazione della Legge 68/99”, viste le gravi carenze di quelle precedenti.

Disabili, a Chieti offerte di lavoro per mansioni impossibili. Esposto in Procura

La denuncia di Lorenzo Torto, 26enne affetto da tetraparesi spastica: il centro per l'impiego del Comune abruzzese offre alle persone diversamente abili posti da gruista, carrozziere, saldatore, verniciatore. Un escamotage per aggirare la legge 68/99 sulle quote riservate. L’Italia, già sanzionata dalla Ue per non aver recepito la direttiva contro le discriminazioni in materia di occupazione, rischia una seconda condanna.

di Maurizio Di Fazio

Il morbo nascosto in un gene

È stato intorno al 1860 che il professor Jean-Martin Charcot, padre della Neurologia, ha descritto la sclerosi a placche e la sclerosi laterale amiotrofica. Il suo campo di ricerca si estendeva dalle paralisi alle encefaliti, alle rigidità muscolari. Fino all’isteria. Alla clinica parigina per malattie nervose Salpetrière fu maestro di Freud.

La Nuova Ferrara del 18-08-2014 - "Dislessia, potenziare il servizio"

FERRARA. Quando hanno letto il cartello, al primo piano dell’edificio di via Gandini n. 26, hanno girato le spalle e se ne sono andati, delusi ma anche arrabbiati. «Si avvisa la gentile clientela che il Centro di alta specializzazione Dsa dal giorno 06/08 al giorno 22/08 rimarrà chiuso e riaprirà il 25/08», riporta l'avviso e significa che l'ambulatorio che segue i bambini di tutta la provincia che presentano difficoltà a leggere, scrivere e ad eseguire calcoli matematici (una patologia riconosciuta con una legge del 2010, la n.

Pagine