Donare un po' del tuo tempo ad Univoc Bologna aiuta l'integrazione dei disabili visivi ed accresce le tue esperienze personali!

"IL VOLONTARIATO COLORA LA VITA"

In questi momenti così poco forieri di buone notizie, il nostro augurio Ë che davvero si riesca a rivolgere maggiore attenzione al mondo del volontariato.
C'è bisogno di giovani attivi, di tante mani che s'intrecciano.
C'è bisogno di solidarietà, di mettersi in gioco per l'altro, di mettersi al servizio degli altri.
Speriamo che quest'anno sia un anno di crescita e di riflessione per arrivare ad aprirsi sempre più verso l'altro. Un altro bisognoso ma che se conosciuto bene Ë capace anche di donare qualcosa.

Un interessante spunto di riflessione per tutti, con particolare riferimento a chi, nella pubblica amministrazione, è chiamato a Servire i cittadini.

Ci impegnamo a continuare la nostra collaborazione con tutte le forze sociali e le istituzioni, mettendo a disposizione le nostre competenze e la gratuità della nostra azione sociale.
Ci impegnamo a sensibilizzare tutti i cittadini, anche attraverso nuovi stili di vita, a costruire un nuovo modello di sviluppo sociale, culturale ed economico.

E ancora: Il nostro appello si rivolge a tutti, in particolare ai giovani, per costruire una cultura in cui i valori del dono, della gratuità, della fratellanza, dell'uguaglianza e della solidarietà divengano bene comune e fondamento della nostra vita sociale.

Sottolineamo il forte valore che dono, gratuità e solidariet‡ hanno per la costruzione della nostra società, oggi come in passato:
Ci impegnamo ad affermarli per affrontare le sfide etiche, prima ancora che economiche e sociali, che il Paese ha di fronte.

Il volontariato arricchisce il capitale umano e sociale di chi lo pratica e di chi lo riceve, rafforza il senso di appartenenza e coesione alla società e favorisce comportamenti positivi per la stessa crescita economica.

Senza il volontariato non andiamo da nessuna parte, aggiungendo che in questo momento di particolare difficoltà del nostro Paese, abbiamo bisogno di persone che siano in grado di assumersi le proprie responsabilità, come fanno ogni giorno i volontari.

Il volontariato e il terzo settore

I volontari, con tutte le loro forze, rappresentano un investimento da sostenere, perchè sono in grado di moltiplicare le risorse a loro disposizione e di tradurle in atti e presenze concrete ed efficaci.
Sta in questo la forte spinta a superare la crisi, attraverso la proposizione di nuovi modelli sociali, basati sulla solidarietà, la creatività, la responsabilità personale e collettiva.

Crediamo che il volontariato goda di una grandissima fiducia da parte degli italiani e debba continuare ad alimentare il proprio senso di responsabilità, per essere in grado di rispondere anche alle emergenze.

Evidenziamo come il volontariato italiano, che ha radici profonde nella nostra storia, sia un'esperienza unica nel panorama europeo, da valorizzare e riconoscere in quanto diritto alla solidarietà.

Le ultime da U.N.VO.C. Bologna

Il libro del nostro volontario "Giancarlo Naldi"

"Mi chiamo Giancarlo Naldi, e da sette anni collaboro come volontario con l’associazione UNIVOC;, sono l’autore del volume:
“Oh... Bologna, emozioni dalla città e dintorni”
Sono nato a Bologna, dove ho compiuto i miei studi e dove ho sempre lavorato,a parte un periodo di quasi nove anni di attività come funzionario presso una grande industria milanese.
Questa passione e questa convivenza quasi simbiotica con la nostra città mi ha portato a scrivere questo libro, che non è una vera biografia, ma ha molti aspetti di ricordi di vita.

La Nuova Ferrara del 18-08-2014 - "Dislessia, potenziare il servizio"

FERRARA. Quando hanno letto il cartello, al primo piano dell’edificio di via Gandini n. 26, hanno girato le spalle e se ne sono andati, delusi ma anche arrabbiati. «Si avvisa la gentile clientela che il Centro di alta specializzazione Dsa dal giorno 06/08 al giorno 22/08 rimarrà chiuso e riaprirà il 25/08», riporta l'avviso e significa che l'ambulatorio che segue i bambini di tutta la provincia che presentano difficoltà a leggere, scrivere e ad eseguire calcoli matematici (una patologia riconosciuta con una legge del 2010, la n.

Ivan Dalia, il pianista non vedente di Teverola famoso in tutto il mondo

TEVEROLA. Pianista gia dall’età di otto anni, il 27enne teverolese si è diplomato al conservatorio di San Pietro a Maiella di Napoli. Ha ampliato le proprie conoscenze musicali ed artistiche tra la Spagna, la Francia e la Germania dove tutt'oggi risiede. Le sue performance sono andate in onda sulla Rai e ha partecipato a numerosi spettacoli con importanti artisti della musica internazionale come Amy Stewart.

Ivan Dalia, il pianista non vedente di Teverola famoso in tutto il mondo

TEVEROLA. Pianista gia dall’età di otto anni, il 27enne teverolese si è diplomato al conservatorio di San Pietro a Maiella di Napoli. Ha ampliato le proprie conoscenze musicali ed artistiche tra la Spagna, la Francia e la Germania dove tutt'oggi risiede. Le sue performance sono andate in onda sulla Rai e ha partecipato a numerosi spettacoli con importanti artisti della musica internazionale come Amy Stewart.

Ivan Dalia, il pianista non vedente di Teverola famoso in tutto il mondo

TEVEROLA. Pianista gia dall’età di otto anni, il 27enne teverolese si è diplomato al conservatorio di San Pietro a Maiella di Napoli. Ha ampliato le proprie conoscenze musicali ed artistiche tra la Spagna, la Francia e la Germania dove tutt'oggi risiede. Le sue performance sono andate in onda sulla Rai e ha partecipato a numerosi spettacoli con importanti artisti della musica internazionale come Amy Stewart.

Fondi sociali: aumenteranno nella legge di stabilità?

COMUNICATO STAMPA

Il disegno di legge delega sul Terzo settore varca il primo traguardo: la presentazione ufficiale in una conferenza stampa di questa mattina. Presente il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti.

Il testo che riordina – e non poco – l’ambito del Terzo settore ha raccolto un sostanziale apprezzamento del Forum del Terzo Settore cui aderiscono moltissime associazioni noprofit fra le quali anche la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap.

Nuoto, campionato europeo IPC: fortissimamente Cecilia Camellini

Dopo la Laurea conseguita, la dottoressa Cecilia Camellini supera a pieni voti anche il primo esame del campionato europeo IPC che si sta svolgendo alla piscina Pieter van den Hoogenband.
Dopo essersi buttata a capofitto nello studio, il rientro ad alto livello nei 100 metri dorso hanno visto la campionessa formiginese dominare le “consuete” avversarie Schulte e Piddubna pur realizzando un tempo (per lei) normale: 1’23.32

Arrampicata, dozzine di "ragni" non vedenti

BOLOGNA. Ci arrampichiamo tutti, in effetti, senza vedere cosa c’è in cima. Annaspiamo ogni giorno, avanti un passo dopo l’altro, con fatiche (tante) e soddisfazioni (a volte), ma chi lo sa alla fine cosa ci aspetta? «La vita stessa è un cammino in salita, una scommessa: verso l’alto si deve puntare sempre», dice una grintosa Silvia Parente che ha perso la vista a 3 anni, ha iniziato a scalare pareti solo 7 anni fa e da allora è diventata campionessa mondiale in questo sport.

Opera accessibile a tutti. Traviata audio descritta a non vedenti e ipovedenti

MACERATA OPERA - seconda rappresentazione per lo spettacolo firmato Svoboda/Brockhaus. Alle 19 appuntamento dal grande valore sociale con i Percorsi Tattili, incontri organizzati in collaborazione con l’Università di Macerata, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, il Museo Tattile Statale Omero .

Pagine