Donare un po' del tuo tempo ad Univoc Bologna aiuta l'integrazione dei disabili visivi ed accresce le tue esperienze personali!

"IL VOLONTARIATO COLORA LA VITA"

In questi momenti così poco forieri di buone notizie, il nostro augurio Ë che davvero si riesca a rivolgere maggiore attenzione al mondo del volontariato.
C'è bisogno di giovani attivi, di tante mani che s'intrecciano.
C'è bisogno di solidarietà, di mettersi in gioco per l'altro, di mettersi al servizio degli altri.
Speriamo che quest'anno sia un anno di crescita e di riflessione per arrivare ad aprirsi sempre più verso l'altro. Un altro bisognoso ma che se conosciuto bene Ë capace anche di donare qualcosa.

Un interessante spunto di riflessione per tutti, con particolare riferimento a chi, nella pubblica amministrazione, è chiamato a Servire i cittadini.

Ci impegnamo a continuare la nostra collaborazione con tutte le forze sociali e le istituzioni, mettendo a disposizione le nostre competenze e la gratuità della nostra azione sociale.
Ci impegnamo a sensibilizzare tutti i cittadini, anche attraverso nuovi stili di vita, a costruire un nuovo modello di sviluppo sociale, culturale ed economico.

E ancora: Il nostro appello si rivolge a tutti, in particolare ai giovani, per costruire una cultura in cui i valori del dono, della gratuità, della fratellanza, dell'uguaglianza e della solidarietà divengano bene comune e fondamento della nostra vita sociale.

Sottolineamo il forte valore che dono, gratuità e solidariet‡ hanno per la costruzione della nostra società, oggi come in passato:
Ci impegnamo ad affermarli per affrontare le sfide etiche, prima ancora che economiche e sociali, che il Paese ha di fronte.

Il volontariato arricchisce il capitale umano e sociale di chi lo pratica e di chi lo riceve, rafforza il senso di appartenenza e coesione alla società e favorisce comportamenti positivi per la stessa crescita economica.

Senza il volontariato non andiamo da nessuna parte, aggiungendo che in questo momento di particolare difficoltà del nostro Paese, abbiamo bisogno di persone che siano in grado di assumersi le proprie responsabilità, come fanno ogni giorno i volontari.

Il volontariato e il terzo settore

I volontari, con tutte le loro forze, rappresentano un investimento da sostenere, perchè sono in grado di moltiplicare le risorse a loro disposizione e di tradurle in atti e presenze concrete ed efficaci.
Sta in questo la forte spinta a superare la crisi, attraverso la proposizione di nuovi modelli sociali, basati sulla solidarietà, la creatività, la responsabilità personale e collettiva.

Crediamo che il volontariato goda di una grandissima fiducia da parte degli italiani e debba continuare ad alimentare il proprio senso di responsabilità, per essere in grado di rispondere anche alle emergenze.

Evidenziamo come il volontariato italiano, che ha radici profonde nella nostra storia, sia un'esperienza unica nel panorama europeo, da valorizzare e riconoscere in quanto diritto alla solidarietà.

Le ultime da U.N.VO.C. Bologna

Progetto “Camminiamo insieme”

Dalla laguna veneta al parco del delta del Po
Domenica 19 Aprile 2015
Questa inedita escursione vi permetterà di ammirare le bellezze della Laguna di Venezia con la magnifica visione del Bacino di San Marco e la navigazione lungo i canali che anticamente collegavano la Serenissima Repubblica con Chioggia, Adria e Ferrara, antiche città di scambi e di cultura. Raggiungeremo il meraviglioso territorio del Parco del Delta del Po dove natura e storia dominano il paesaggio.

Napoli: scuola per ciechi a rischio chiusura, scatta protesta

NAPOLI. Protesta dei genitori dei ragazzi che frequentano l'Istituto per ciechi "Martuscelli" di Napoli e dei dipendenti della struttura preoccupati per il futuro dei loro figli e per il proprio posto di lavoro. L'Istituto rischia infatti la chiusura. Alla base del ridimensionamento delle attività dell'Istituto, la ''drammatica" situazione debitoria che ha portato il Miur a deliberare, lo scorso novembre, per la non approvazione del consuntivo 2013 e del bilancio di previsione 2014. Secondo quanto riferito, l'Istituto ha un deficit di circa 6 milioni di euro.

Imola, vita difficile per i disabili, tra maleducazione e barriere architettoniche

Sono Marta Pellizzi, una studentessa dell’Università degli Studi di Ferrara che vive a Imola e che ha una disabilità visiva. Ho già scritto molte volte ai giornali, all’amministrazione comunale e a chi si occupa del problema delle barriere architettoniche in città senza che ci siano stati dei provvedimenti alle segnalazioni già fatte da me o da chi come me ha una qualche disabilità.

Ancora una volta 30 ore per la vita: un sms aiuta chi ha un bambino malato di tumore!

Dalle 16 di oggi, sabato 18 aprile, alle 23 di domani, domenica 19 aprile, è partita la maratona 30 ore per la vita.

Il progetto si chiama "Home" e si prefigge di creare strutture residenziali per le famiglie che debbono gestire una criticità come quella di avere un figlio affetto da tumore.

Una maratona radiotelevisiva per raccogliere fondi attraverso sms solidali.

Per contribuire si può inviare un messaggino al numero:
45594

Posti di lavoro per i disabili "Una convenzione giusta"

REGGIO EMILIA. È stato approvato il rinnovo della convenzione quadro che consente alle imprese obbligate all’assunzione di persone disabili di assolvere a tale obbligo, nella misura massima del 30%, mediante l’esternalizzazione di commesse di lavoro alle cooperative sociali di inserimento lavorativo. Si tratta di uno strumento che a oggi conta circa 100 posti di lavoro attivi nella nostra provincia, ma la cui importanza non si lega solo alle pur rilevanti cifre.

Pagine